Gen
23
2009
--

“Milonga Para Jacinto Chiclana” - Diretta Video in Web Streaming

Se sei tra i molti che non sono riusciti ad entrare in possesso del biglietto dello spettacolo “Milonga Para Jacinto Chiclana” prima del “tutto esaurito” non disperare.

In fondo all’articolo troverai il link che ti porta all’elenco delle riprese video.

Lo spettacolo è stato fantastico: una vera serata tra amici.
La sala della Domus ha registrato il tutto esaurito, molte persone non sono potute entrare, e per poterle accontentare, abbiamo in fretta e furia organizzato con Giulio Gaudiano una diretta video in web streaming ( Grazie Giulio !).

Nonostante questo siamo dispiaciuti di non aver potuto accontentare tanti amici, ai quali diciamo: presto ci saranno altre occasioni.

Salutiamo calorosamente gli amici che da Buenos Aires ci hanno inviato tante e-mail affettuose durante e dopo lo streaming video sul web.

Un ospite di eccezione ha animato la serata: Janet De Nardis (www.janetdenardis.it), la ringraziamo con affetto per essersi prestata, a sorpresa, a recitare l’intro di Malena in maniera così accattivante.

Altri ringraziamenti al Dott. Garofoli per le sue consulenze logistiche cross-platform e auguri per i suoi studi in materia “tangologica” su questa “mezcla milagrosa” che è il tango.

Qui in basso alcuni momenti rappresentativi della serata

Cafè Dominguez
Ballano Marco y Silvana


Volver
Suonano Emanuele Giannotta e Danilo Visco
Cantano Roberto Sabatini e Giuditta Puccinelli
Improvvisano: Roberto e Silvana, Marco e Lucrezia, Simone e Emanuela


Jacinto Chiclana
Suonano Franco Tinto, Emanuele Giannotta e Danilo Visco
Cantano Giuditta Puccinelli e Roberto Sabatini
Interpretano Claudio, Marco, Lucilla, Luciana, Silvana e Roberta


Janet De Nardis recita l’Intro di Malena


Clicca qui per vedere l’elenco completo delle riprese video dello spettacolo, trasmesse in web streaming durante la serata.

Los Chantas Cuatro Team

Written by Giulio in: Ballet Tango Sur, Eventi, Musica |
Gen
22
2009
--

Milonga para Jacinto Chiclana


Serata di Gala Esibizione Spettacolo e Cena del Ballet Tango Sur

Milonga para Jacinto Chiclana è una noche de tango all’insegna della musica, del ballo, della poesia e del teatro.

E’ un momento per stare insieme ad amici, cullati dalle note del tango, dal profumo del vino e dal buon cibo.
In una cornice splendida: Il cuore di Roma.

info:chantacuatro@sabordetango.org

Nov
22
2008
--

Ballet Tango Sur - Giuditta Puccinelli

Il Ballet Tango Sur

è il corpo di ballo della Compagnia Los Chantas Cuatro con Sabor a Tango.
Un gruppo di ballerini, musicisti, artisti che si esibisce pubblicamente sia a scopo di beneficenza che allo scopo primo dell’associazione: la diffusione del tango, della musica e della cultura argentina e sudamericana come espressione culturale e veicolo di integrazione sociale.


Presentiamo in questo articolo la Voce del gruppo: Giuditta Puccinelli con un profilo delle sue esperienze professionali.

Cantante – Repertorio lirico, leggero, jazz.
Dal 1994 studia tecnica vocale con l’insegnante argentina Rosa Rodriguez perfezionandosi nella tecnica Alexander.

Studi di musica operistica, da camera, contemporanea presso l’Associazione Culturale Antonio Cotogni .
Dal 1997 canta in tutti i concerti dell’Associazione come solista.
Tra i più importanti concerti, ”Vuelvo al Sur” presso l’Aula Adrianea , Horti Sallustiani , classificato da Gianni Borgna quinto tra tutti i concerti eseguiti per la Festa Europea della Musica (2005); ha interpretato Bastiana nel “ Bastiano e Bastiana “ di W.A. Mozart ( 2006 ).

Studi approfonditi su musica latinoamericana da camera del Primo Novecento ( H. Villa Lobos, C.Guastavino, A. Ginastera ).
Collaborazioni con formazioni di musica acid jazz, latin jazz, world music. Specializzata in musica brasiliana,è da tempo cantante del Trio De Janeiro Band ( Jobim,Mendes,Bosco, B.Powell,ma anche classici della MPB e nuove tendenze comeTribalistas,Timbalada…)

E’ cantante del duo acustico Modello n. 4 “Women in (e)motion” ,con Mauro Tavernelli alle chitarre e al bouzouki.
E’ stata cantante solista dell’Orchestra della Tuscia di Viterbo,diretta dal Maestro Giampaolo Anselmi dal 1997 al 2004.
Ha partecipato come vocalist al cd “Viscum Album ” del bassista compositore Danilo Visco
( ed. Saintrock ,2004 ).

Partecipazioni a festival jazz :
Festival Montefiascone Nottedinote 2000
Teano jazz festival 2004
Marzano in jazz 2005
Atina 2007 omaggio a Vittorio Fortuna
Atina 2008 omaggio a Vittorio Fortuna

Dal 2007 canta tango argentino con i musicisti del “ Tango Sur Ballet” negli spettacoli: “Noche de Tango” e “Milonga para Jacinto Chiclana” della Compagnia “Los Chantas Cuatro con Sabor a Tango”.

Ha suonato con : Mark Harris , Agostino Marangolo , Ivan Ciccarelli, Olen Cesari, Massimo Rosari, Edoardo Bignozzi, Enrico Cresci ,Alfredo Bochicchio, Stefano Baldasseroni,Flavinho Vargas.

Ha insegnato tecnica vocale all’ UM (università della Musica) Roma
E’ diplomata all’ ISEF statale di Roma con il massimo dei voti. Insegnante di educazione fisica, ha coniugato il linguaggio del corpo con l’espressione artistica del canto, realizzando diversi progetti con gli alunni delle sue classi.
Il più importante nel maggio 2005 a Tivoli,presso la Sala d’Angolo di Villa d’Este, dove gli studenti hanno rappresentato in lingua e tonalità originali l’”Opera da tre soldi”di Bertold Brecht ( musiche di Kurt Weill ) alla presenza dell’Ambasciata Tedesca e dei dirigenti del Ghoete Institute.

Attualmente sta realizzando un progetto interamente dedicato alla musica italiana d’autore con Danilo Visco al contrabbasso e Alessandro Forlini al pianoforte.

Il Ballet Tango Sur riscuote il plauso e l’apprezzamento del pubblico da oltre dieci anni in tutta italia:

Viareggio 1999
Salerno 2000
Roma 1999-2001-2002-2003-2004.2005-2006-2007-2008
Caserta 2001
Città della Pieve 2001-2002
Passocorese 2007


Per prendere contatto ed organizzare spettacoli, esibizioni e/o dimostrazioni che coinvolgono il Ballet
Tango Sur scrivere a:
chantacuatro@sabordetango.org

Ott
22
2008
--

Tango “El Amanecer” di Roberto Firpo

Il tango “El Amanecer” di Roberto Firpo nacque all’alba (amanecer) di un nuovo giorno, che avrebbe potuto sorgere tra il1909 e il 1910. Firpo rientrava dopo aver suonato in un café della Boca. Per tornare a casa, nella calle Rioja, aveva preso uno di quegli autobus a due piani dei primi del ‘900. La storia di questo tango parte da lì.

Questo tango è scritto per coloro che a quell’ora si incontrano per strada, sia perché vanno a dormire o perché si alzano presto, sanno che è un momento del giorno in cui si incrociano coloro che rientrano dalla notte con quelli che vanno a lavorare.

E questo è ciò che notò in quell’alba Firpo, su quel tram: condivideva il viaggio con i lavoratori che raggiungevano i loro impieghi e gli scapestrati che tornavano dalla notte brava. Tutto questo gli diede l’idea per un tango: El Amanecer. Tuttavia mancava ancora qualcosa per completare la sua idea che non si trovava in quel tram.

Nel tragitto tra la fermata e la sua casa, il gorgheggio degli uccelli si aggiunsero all’ispirazione di Firpo. Nella sua mente si era formata la idea generale del tango, che tuttavia ebbe un lento processo di gestazione che durò quasi un anno fino alla sua versione definitiva.

Firpo non dimenticò il trillo degli uccelli in quel mattino e li incluse tra le nota del tango.

Ora qualcuno sospetta che Firpo in realtà provò a fare un’altra cosa, che alcuni dei più grandi compositori dell’umanità avevano già fatto. E’ così che si può ascoltare il canto degli uccellini in opere come “Il Cardellino” di Vivaldi, o nella “Sinfonia Pastorale” di Beethoven.

Per alcuni un compositore di tango non era abituato ad ascoltare questo genere di musica. Tuttavia non si deve dimenticare che Firpo soleva interpretare brani classici e avrebbe ben potuto ascoltare almeno uno di quelli su citati.

Una volta scritto questo tango, lo interpretò in alcuni caffè de La Boca. La prima esecuzione pubblica di una certa rilevanza fu però quella dell’orchestra del maestro D’Alò nel 1911, nella pista da ballo del famoso Parque Japonés, con la orchestrazione di Salvador Merico.

Testo di Carlo Hugo Burgstaller. Traduzione di Fabio Antonucci.

Written by Giulio in: Musica |
Ott
16
2008
1

Tango a Roma: Riflessioni su Musica, Tecnica e Problemi del Tango nella Capitale

I maestri de La Academia de Tango Los Chantas Cuatro condividono alcune riflessioni sul Tango a Roma in una lettera aperta sul Tango, su quello che è o dovrebbe essere e su quello che sta diventando a Roma, a beneficio di chi si è avvicinato da poco al tango argentino e di chi invece lo pratica da più tempo.



Credit: (CC) Éole Wind - http://www.flickr.com/people/eole/

Credit: (CC) Éole Wind - http://www.flickr.com/people/eole/



Il tango argentino è la musica, in tutte le sue manifestazioni, i suoi ritmi e le sue tipologie. Su questo non ci piove. Il tango argentino è poi anche il ballo, e qualcuno dice che sia anche una danza, gusti personali. Il tango argentino è poi molte altre cose: arte, cinema e cultura; fino a divenire per gli argentini un modo di camminare e finanche di vedere la vita in un certo modo. Ma io qui oggi mi fermo alla musica e al ballo.

Quando noi balliamo tango argentino dobbiamo ballare la musica. Nessun ballerino/a balla senza musica.
E’ questo l’insegnamento che ci viene dai vecchi milongueros

Quello che accade invece e che molti ballano i passi o ballano le coreografie o le pose che si sono messi in testa. Chi balla i passi invece della musica, ha deciso di barare con se stesso, per motivi vari pensa di prendere una scorciatoia o di ridurre tutto ad una sciarada o a una caricatura.

A noi i passi non mancano, i “vecchi” del gruppo vi possono testimoniare che anche dopo dieci anni i passi non sono finiti, e ne continuano a vedere di nuovi e inediti. Ma attenzione, questo serve solo a mentenere viva l’attenzione, il passo nuovo è solo la scusa per esercitare la pratica del tango.

Per migliorare il domino e la padronanza sul proprio corpo, la capacità di gestire l’equilibrio, di spostare il peso, di controllare il proprio asse insieme a quello della donna in un respiro solo. Prerequisiti indispensabili per ballare.

Come mai allora ci meravigliamo quando vediamo un bravo ballerino che ha un’ottima tecnica ma balla la musica e non solo i passi che la sua tecnica gli consentono? Acquisendo molta tecnica possiamo fare a meno della musica? Ecco io credo che questo sia un equivoco in cui molti, quasi tutti, oggi, cadono.

Distinguiamo un bravo ballerino quando la musica che balla si esprime sulla tecnica che possiede, ma attenzione: se balla solo la sua tecnica, balla sui passi e non sulla musica.

Come si balla sulla musica? Bisogna sentire la musica, il suo ritmo ci deve possedere e ci deve commuovere, e ci deve anche divertire, se questo miracolo non avviene non abbiamo chance. Se la musica del tango non ci commuove o non ci diverte o non ci piace, se il suo ritmo non è dentro di noi non andiamo da nessuna parte.

Ciascuno di noi “sente” di più alcuni brani e preferisce ballare quelli piuttosto che altri, perchè “mi piacciono di più” spesso si sente dire. A parte i gusti personali, questa è una chiara spiegazione del fatto che ci riesce meglio ballare quando “sentiamo meglio” la musica e la sentiamo più vicina alla nostra sensibilità e quindi inconsciamente il nostro desiderio è effettivamente quello di ballare la musica.

Peccato però che quando non arriviamo a “sentirla” bene ricadiamo nel vizio e nella tentazione di ballare i passi.

Avere la coscienza di questa meccanica è già una fortuna, è il primo passo per sapere che la soddisfazione massima è quando andiamo a cercare la musica e non i passi.

L’indice massimo della nostra capacità di sentire la musica del tango è la quantità di brani che sentiamo vicini a noi. In parole povere: minore è la quantità di brani che ci piacciono, più siamo difficili di gusti, meno siamo dentro alla sensibilità di questa musica; e al contrario maggiore il numero di brani che “sentiamo” e quasi totale è la nostra sensibilità e comunanza con la musica di tango, più siamo dentro e vicini alla musica, e più siamo pronti ad esprimerla con il corpo attraverso la tecnica che possediamo.

Sulla tecnica anche vorrei dirvi quanto segue: la tecnica di questo ballo si impernia molto sulla capacità propria di saper gestire il proprio e l’altrui equilibrio, sulla respirazione che accompagna i movimenti e ci dà la forza per coordinarli.

La gestione del peso anche è fondamentale, fa parte del meccanismo che ci consente di controllare noi e l’altro. Cito sempre una frase che Pablo Veròn ci disse, oramai circa dieci anni fa, e che trovo vera ed illuminante: “Quando diventi padrone del tuo corpo, allora puoi fare quello che vuoi e non hai più limiti“.

Questo è quello che ci disse dopo tante volte che gli veniva richiesto come poteva fare una cosa piuttosto che un’altra. Ecco in quella occasione lui non ci diede il pesce ma la canna da pesca, e fu un insegnamento vero.

Divenire padroni del proprio corpo vuol dire gestire completamente i punti elencati sopra.

La tecnica si esercita e si migliora con la pratica, senza la gestione di anche solo di uno dei punti sopra scritti non abbiamo una buona tecnica il che vuol dire che possiamo permetterci meno passi e meno figure, ma non che non possiamo ballare.

Produrre passi o figure che non sono supportati da una buona tecnica non ci fa ballare meglio, al contrario ci rende ridicoli.

L’altezza o il peso sono relativi e non importanti, se si possiede un buon equilibrio si può ballare con una persona più alta o più pesante o più bassa e più leggera. Esteticamente però altezza e figure equilibrate sono migliori, ma è solo un discorso estetico da fare per occasioni particolari come le esibizioni.

All’inizio da principianti non pensiamo alla musica, siamo concentrati sulla tecnica sui passi, poi piano piano la musica si fa avanti e deve acquisire importanza maggiore, osservate in sala, in milonga si vede molta gente che balla i suoi passi per impressionare l’altro/a o il pubblico.

Si può impressionare molto di più l’altro/a ballando sulla musica, è più difficile ma più potente.

Questo è il vero trucco, la mossa segreta, il passo inedito, la coreografia finale.

E’ anche originale perchè ciascuno di noi è unico e sente la musica in maniera differente e in questo modo la trasmette. Migliorare la tecnica serve solo ad amplificare l’effetto del risultato di ballare sulla musica, ma non lo sostituisce. Se siete poveri sotto l’aspetto musicale non diventerete più ricchi con due figure in più.

E’ questo il tango argentino, è la passione della commozione o del divertimento estremo del ballare questa musica insieme ad un’altra persona, del sentirsi vicini anche quando l’altro è un estraneo apparentemente lontano, è una ubriacatura e una comunione dei sensi, un momento intimo condiviso.

Il resto viene dopo ed è accessorio.

Le strade sono sempre due, una facile e l’altra difficile e lunga. Una che porta illusioni facili, l’altra soddisfazioni dopo lunghe fatiche. Ciascuno sceglie quello che vuole, la maggior parte la via corta, quella facile, che finisce presto però, pochi quella lunga.

Queste righe solo per condividere una passione comune.

Oggi che a Roma il tango sembra una merce da vendere, confezionata in varie modalità, come la salsa, per avere un prodotto differenziato da offrire al pubblico. Raccontare queste cose sembra diventato poco opportuno o sembra una vergogna dire che questi erano gli insegnamenti dei grandi maestri del passato.

Da noi quasi tutti trovano quello che cercano, chi i passi, chi la musica, chi un gruppo di amici, chi qualcos’altro…ma questo è un’altro discorso.

Io cerco la musica, perchè sapete, quando la musica finisce, quello che rimane è il silenzio.

Marco

Written by admin in: Cultura, Lezioni, Musica | Tag:, , , ,

Powered by WordPress | Aeros Theme | TheBuckmaker.com WordPress Themes